“Melancholy in Eden”: New Editorial Elegant Magazine.

Qualche mese fa scrissi l’articolo sul backstage per l’editoriale realizzato a Roma, nell’elegante villa nobiliare sede della Libreria Philobiblon, ora finalmente, dopo molte attese, per me e per l’intero team, è arrivato il momento di postare il risultato definitivo presente sul numero September Issue di Elegant Magazine, rivista cartacea e online con base a San Francisco, California. 

1

Continua a leggere

Annunci

Philobiblon: Vernissage “Riflessi della Materia”, la rivincita dell’incisione.

Nella splendida ed elegante cornice della villa nobiliare romana, il giorno 21 gennaio 2014 alle ore 18:00, la prestigiosa Philobiblon Gallery ha inaugurato la sua prima mostra dell’anno.

Riflessi della Materiaincisione contemporanea tra tradizione e innovazione” è il titolo della mostra, una mostra collettiva in cui sono presenti settantuno artisti provenienti da sedici paesi del mondo. Una mostra innovativa e contemporanea, lontana dalla banalità, che ha come scopo, e si spera di riuscirci, quello di riportare l’arte dell’incisione verso una nuova era, dove l’incisione si veste da Fenice per dirigersi verso una rinascita e una rivincita meritata, perché si è assistito, troppo spesso, in passato ad una sorta di abbandono e oblio verso questa nobile forma d’arte. La mostra è nata grazie all’unione con il Kaus (Centro Internazionale per l’Incisione Artistica), la Stamperia Santa Chiara di Urbino, il Contemporary Printmaking Research Centre, l’Atelier Empreinte di Lussemburgo e le associazioni culturali “I Diagonali”, “Atelier” e la “Stamperia del Tevere” di Roma, e la Philobiblon Gallery si fa baluardo della causa puntando con questa mostra, che si terrà fino al 28 febbraio, a divenire un punto fermo e l’occasione tanto attesa per un nuovo apprezzamento della tecnica incisoria contemporanea, esponendo nei suoi spazi artisti italiani, ben quaranta, e artisti internazionali. Tra gli artisti presenti, menzioniamo da Alessandro Fornaci a Claudia Canavesi, da Isabelle Lutz a Carlo Ambrosoli, passando per Angelo Rizzelli. Una mostra, decisamente, da non perdere che sarà ricordata come pioniera nella nuova fanciullezza dell’incisione.

Di seguito, le meravigliose e intense immagini fotografiche realizzate da Yuliya Galycheva durante il Vernissage, del 21 gennaio 2014, nelle quali l’artista è riuscita a catturare con intelligenza la vera essenza delle opere e le emozioni provocate da esse nel pubblico presente.

Roma, fino al 28 febbraio 2014, “Riflessi della Materia – incisione contemporanea tra tradizione e innovazione”, a cura di Alessandro Fornaci e Matteo Ghirighini, Philobiblon, via Antonio Bertoloni 45, info@philobiblon.orghttp://www.philobiblon.org

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Missoni, Leopardessa, Guen e Philobiblon insieme per l’ultimo shooting dell’anno.

Metti un giorno a Roma, nel cuore della capitale, precisamente in zona Parioli, per l’ultimo shooting dell’anno e la location è l’elegante villa nobiliare, nuova sede della prestigiosa Libreria Philobiblon.

Nonostante le temperature invernali abbiamo lavorato, come giusto che sia, all’editoriale per la primavera, perché si sa la moda è sempre sei mesi avanti. Gli abiti fotografati da Yuliya Galycheva, con cui ho la fortuna di lavorare, fanno parte della collezione spring-summer 2014 di Missoni, Leopardessa e Guen meticolosamente scelti da Luciana Potito, stylist impeccabile. Il concetto principale del brand Missoni è la Rinascita, un viaggio verso una nuova dimensione, come un nuovo inizio, con colori decisi, abbinati alle stampe grafiche e il gioco del bianco e nero si avvicina a un concetto pop. Con queste creazioni il marchio vive una reinterpretazione, visibile nello zig zag dei tessuti. Il mood è esotico dall’aria fresca e leggera con caftani, abiti legati come parei e drappeggi. La donna Missoni ama viaggiare geograficamente e fantasticamente. In questa collezione c’è il richiamo ai quattro elementi: acqua, terra, fuoco e aria che raccontano il loro rapporto equilibrato con la natura attraverso gli intrecci dei tessuti del brand. Per quanto riguarda le creazioni di Leopardessa, brand fondato nel 2012 a Roma da Jessica Harris e Mariaelena Masetti Zannini, gli abiti proposti sono corti al ginocchio e pantaloni dalla vita alta, che definiscono la silhouette, ampi e morbidi che evocano la leggerezza della stagione primaverile con stampe giocose e geometriche, che ricordano fiori ma dai tratti stilizzati e tondeggianti. Particolari e ricercati sono i bottoni e le spille, un appunto interessante va agli interni degli abiti, composti da una stampa diversa da quella esterna, dando quasi la voglia di usarlo per entrambi i lati. La palette di colori si declina dall’arancio al blu, dal rosa al fucsia, passando per il bianco e il viola. Infine, Guen, giovane marchio fondato nel 2012, a Firenze, da Daniela Fiorilli, brand che nasce dalla voglia di esprimere le idee personali della designer sullo stile e l’estetica. Le collezioni Guen sono un mix tra la sartorialità e l’innovazione, con un’attenta visione futuristica di forme e volumi, dando la consapevolezza, a chi li indossa, di possedere un capo di lusso dallo studio dettagliato e dal forte impatto visivo. La collezione primaverile prende ispirazione dall’idea di trasformazione, dove gli elementi base sono classici, ma rivisitati e reinterpretati donando loro una nuova vita. Il tutto arricchito e impreziosito dagli accessori gioiello realizzati nel laboratorio artigianale zero43, gioielli in ferro come il bracciale Manette Bubble o il bracciale Marie Antoinette in argento ossidato e bronzo con i profili della regina francese. La modella, Carlijn De Jong, dell’agenzia ZOE Models, resa ancora più bella dalle mani esperte della Make-Up Artist e Hair Stylist Ori ‘O’, è stata fantastica nell’interpretare tutte le richieste fatte da Yuliya e Luciana.

La Libreria Philobiblon, location d’eccezione, dove abbiamo avuto il piacere di scattare la nostra fashion stories, fu fondata nel 2000 a Roma da Filippo Rotundo in Via Santa Maria dell’Anima, spostandosi, successivamente, a Palazzo Massimo. Nel 2013 è stato un anno importante per Philobiblon, in quanto è divenuta francisee italiana della casa d’aste londinese Bloomsbury, portando così al cambiamento di sede ai Parioli, in Via Bertoloni. Questa nuova sede ospita lo studio bibliografico, i dipartimenti di libri, incisioni antiche e moderne e opere d’arte della casa d’aste che opererà sotto il nome Bloomsbury Philobiblon. Inoltre, ospita un nuovo progetto: la Philobiblon Gallery, una galleria d’arte sperimentale dove vengono organizzate mostre, eventi e incontri, con lo scopo di proporre le grandi opere della tradizione grafica antica e moderna e le opere di giovani artisti contemporanei, sostenendoli nella creazione delle loro opere, mirando a diventare un punto fondamentale per i collezionisti e gli amanti dell’Arte. Difatti, oggi, 21 gennaio 2014 alle ore 18:00, verrà inaugurata la mostra collettiva “Riflessi della Materia – incisione contemporanea tra tradizione e innovazione”, una mostra con cui la Philobiblon Gallery entra a far parte a pieno diritto nel panorama artistico nazionale e internazionale non solo come galleria d’arte, ma come centro sperimentale di ricerca e produzione di grafica. Gli artisti presenti saranno circa settanta provenienti da sedici paesi del mondo e tra loro ci sarà anche Yuliya Galycheva con una videoistallazione.

Yuliya Galycheva: photographer; Luciana Potito: stylist; Ori ‘O’: Hair & Make-up; Carlijn: @Zoe Models; Theo Diamantiou: backstage; Silvia Berardi: curator, blogger, wardrobe assistant; Philobiblon Via Bertoloni, 45, Roma.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine