“Melancholy in Eden”: New Editorial Elegant Magazine.

Qualche mese fa scrissi l’articolo sul backstage per l’editoriale realizzato a Roma, nell’elegante villa nobiliare sede della Libreria Philobiblon, ora finalmente, dopo molte attese, per me e per l’intero team, è arrivato il momento di postare il risultato definitivo presente sul numero September Issue di Elegant Magazine, rivista cartacea e online con base a San Francisco, California. 

1

Continua a leggere

Missoni, Leopardessa, Guen e Philobiblon insieme per l’ultimo shooting dell’anno.

Metti un giorno a Roma, nel cuore della capitale, precisamente in zona Parioli, per l’ultimo shooting dell’anno e la location è l’elegante villa nobiliare, nuova sede della prestigiosa Libreria Philobiblon.

Nonostante le temperature invernali abbiamo lavorato, come giusto che sia, all’editoriale per la primavera, perché si sa la moda è sempre sei mesi avanti. Gli abiti fotografati da Yuliya Galycheva, con cui ho la fortuna di lavorare, fanno parte della collezione spring-summer 2014 di Missoni, Leopardessa e Guen meticolosamente scelti da Luciana Potito, stylist impeccabile. Il concetto principale del brand Missoni è la Rinascita, un viaggio verso una nuova dimensione, come un nuovo inizio, con colori decisi, abbinati alle stampe grafiche e il gioco del bianco e nero si avvicina a un concetto pop. Con queste creazioni il marchio vive una reinterpretazione, visibile nello zig zag dei tessuti. Il mood è esotico dall’aria fresca e leggera con caftani, abiti legati come parei e drappeggi. La donna Missoni ama viaggiare geograficamente e fantasticamente. In questa collezione c’è il richiamo ai quattro elementi: acqua, terra, fuoco e aria che raccontano il loro rapporto equilibrato con la natura attraverso gli intrecci dei tessuti del brand. Per quanto riguarda le creazioni di Leopardessa, brand fondato nel 2012 a Roma da Jessica Harris e Mariaelena Masetti Zannini, gli abiti proposti sono corti al ginocchio e pantaloni dalla vita alta, che definiscono la silhouette, ampi e morbidi che evocano la leggerezza della stagione primaverile con stampe giocose e geometriche, che ricordano fiori ma dai tratti stilizzati e tondeggianti. Particolari e ricercati sono i bottoni e le spille, un appunto interessante va agli interni degli abiti, composti da una stampa diversa da quella esterna, dando quasi la voglia di usarlo per entrambi i lati. La palette di colori si declina dall’arancio al blu, dal rosa al fucsia, passando per il bianco e il viola. Infine, Guen, giovane marchio fondato nel 2012, a Firenze, da Daniela Fiorilli, brand che nasce dalla voglia di esprimere le idee personali della designer sullo stile e l’estetica. Le collezioni Guen sono un mix tra la sartorialità e l’innovazione, con un’attenta visione futuristica di forme e volumi, dando la consapevolezza, a chi li indossa, di possedere un capo di lusso dallo studio dettagliato e dal forte impatto visivo. La collezione primaverile prende ispirazione dall’idea di trasformazione, dove gli elementi base sono classici, ma rivisitati e reinterpretati donando loro una nuova vita. Il tutto arricchito e impreziosito dagli accessori gioiello realizzati nel laboratorio artigianale zero43, gioielli in ferro come il bracciale Manette Bubble o il bracciale Marie Antoinette in argento ossidato e bronzo con i profili della regina francese. La modella, Carlijn De Jong, dell’agenzia ZOE Models, resa ancora più bella dalle mani esperte della Make-Up Artist e Hair Stylist Ori ‘O’, è stata fantastica nell’interpretare tutte le richieste fatte da Yuliya e Luciana.

La Libreria Philobiblon, location d’eccezione, dove abbiamo avuto il piacere di scattare la nostra fashion stories, fu fondata nel 2000 a Roma da Filippo Rotundo in Via Santa Maria dell’Anima, spostandosi, successivamente, a Palazzo Massimo. Nel 2013 è stato un anno importante per Philobiblon, in quanto è divenuta francisee italiana della casa d’aste londinese Bloomsbury, portando così al cambiamento di sede ai Parioli, in Via Bertoloni. Questa nuova sede ospita lo studio bibliografico, i dipartimenti di libri, incisioni antiche e moderne e opere d’arte della casa d’aste che opererà sotto il nome Bloomsbury Philobiblon. Inoltre, ospita un nuovo progetto: la Philobiblon Gallery, una galleria d’arte sperimentale dove vengono organizzate mostre, eventi e incontri, con lo scopo di proporre le grandi opere della tradizione grafica antica e moderna e le opere di giovani artisti contemporanei, sostenendoli nella creazione delle loro opere, mirando a diventare un punto fondamentale per i collezionisti e gli amanti dell’Arte. Difatti, oggi, 21 gennaio 2014 alle ore 18:00, verrà inaugurata la mostra collettiva “Riflessi della Materia – incisione contemporanea tra tradizione e innovazione”, una mostra con cui la Philobiblon Gallery entra a far parte a pieno diritto nel panorama artistico nazionale e internazionale non solo come galleria d’arte, ma come centro sperimentale di ricerca e produzione di grafica. Gli artisti presenti saranno circa settanta provenienti da sedici paesi del mondo e tra loro ci sarà anche Yuliya Galycheva con una videoistallazione.

Yuliya Galycheva: photographer; Luciana Potito: stylist; Ori ‘O’: Hair & Make-up; Carlijn: @Zoe Models; Theo Diamantiou: backstage; Silvia Berardi: curator, blogger, wardrobe assistant; Philobiblon Via Bertoloni, 45, Roma.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine