“Dreaming in Koblevo”: il mix emozionale tra sogno e realtà nella mostra di Yuliya Galycheva.

La grande attesa sta per terminare e finalmente tra qualche giorno, precisamente il 9 ottobre 2014 alle ore 18:30, lo spazio espositivo Curva Pura, a Roma, aprirà le porte al pubblico per celebrare, con un personale dal titolo “Dreaming in Koblevo“, la giovane artista Yuliya Galycheva

10622923_10204882813528487_7210411601190856057_n

 

 

 

 

 

 

Collaborando da tempo con Yuliya, ho avuto il piacere e l’onore di essere tra le prime persone che hanno visionato il progetto “Dreaming in Koblevo”, assistendo, nel frattempo, alla scelta definitiva delle opere e all’iter preparatorio della mostra. Un progetto questo che già dalle prime immagini fotografiche sono chiaramente visibili le varie metafore sull’umanità che abita, momentaneamente, quei luoghi, luoghi che diventano scenografie per un mondo che percorre quella linea sottile tra reale e ideale, ma che soprattutto emerge quella netta difficoltà nel rincorrere il mondo occidentale contemporaneo. Nelle immagini di Yuliya si alternano e si amalgamano momenti malinconici a scene trash, passando agli attimi divertenti ma allo stesso tempo riflessivi. E’ un progetto che, a mio avviso, possiede quella giusta carica emozionale unita alla rara caratteristica di avere al suo interno più significati e percorsi da seguire, come una mostra nella mostra. 

Di seguito il Comunicato stampa:

Dreaming in Koblevo

Vacanze popolari sul Mar Nero: metafore sull’umanità sognante nel progetto fotografico di Yuliya Galycheva.

Roma, 9 Ottobre 2014, ore 18:30

Spazio Curva Pura – via Giuseppe Acerbi, 1/a

Deserto in inverno e sovraffollato d’estate, Koblevo, situato sul Mar Nero in Ucraina, vicino alla più famosa Odessa, è un noto luogo di svago del mondo erede dell’URSS, il luogo ideale per osservare l’ingenuità vitale dell’umanità che lo visita, per raccontarne lo scarto tra mondo reale e ideale, per coglierne l’adeguamento faticoso alle tendenze del mondo contemporaneo.

Ciò che ne risulta è dunque un progetto fotografico spiritoso e malinconico, che cerca simbolismi e metafore sulla condizione umana nel momento di sua massima innocenza, quello ludico delle vacanze estive.

Con forte tensione anti-formale, le 46 fotografie esposte accarezzano dimensioni diverse: da quelle duramente realistiche a quelle implicitamente comiche, da quelle oniriche e felliniane a quelle più propriamente simboliche. I castelli di sabbia, i corpi sospesi nell’aria, le solitudini negli spazi vuoti, gli oggetti banali ma impregnati della carica simbolica compongono come i tasselli del puzzle la totalità del messaggio metaforico di Galycheva.

La mostra sarà anche l’occasione per presentare l’omonimo libro, che potrà essere visionato e acquistato insieme alle fotografie durante il vernissage.

Yuliya Galycheva è nata a Kiev e ha studiato negli Stati Uniti. Trasferitasi in Italia nel 2003, ha collaborato tra i migliori fotografi dell’industria della moda. Da libera professionista si occupa soprattutto di fotografia dell’architettura, moda e arte. I suoi lavori sono stati pubblicati da importanti testate internazionali di cultura e di moda. Tra di esse figurano l’Officiel Ukraine, Next Magazine, Panorama, Tu Style, Elegant Magazine, Vogue.it, Fashion Files, The Plan. Il suo sito èwww.yuliya.it.

Lo Spazio Curva Pura è un nuovo luogo contenitore di arte, design ed architettura situata nel quartiere Ostiense, in via Giuseppe Acerbi 1/A. Ingresso libero. Per ulteriori informazioni: curvapura@gmail.com

Link all’evento: https://www.facebook.com/events/1462797134003101/?fref=ts

FLYER SMALL

DSC_1440

DSC_3685

DSC_1937

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...